MKduo 4.3.18 dev – Z-Probe Manuale, FINALMENTE ADDIO SONDE!

MKduo 4.3.18 dev – Z-Probe Manuale, FINALMENTE ADDIO SONDE!

 

Come tutte le stampanti 3d , anche la mia per poter funzionare ha bisogno del firmware caricato su Arduino.

Tra quelli che conosco (Marlin , Repeat-Firmware) ho sempre trovato facile da configurare e ricco di funzioni utili il MarlinKimbra di MagoKimbra.

Grazie al Suo lavoro e al configuratore online permette anche a chi mastica poco il codice di poter configurare e personalizzare la propria macchina grazie all’interfaccia presente sul sito web che ti guida passo passo nella scelta dei parametri da configurare e poi ti permette di scaricare in formato .zip il firmare che poi andrà caricato tramite Arduino IDE

Il sito è http://www.marlinkimbra.it/

Tra le tanti  funzioni quella che apprezzo di più ed uso spesso è  “arresta e salva” che permette di interrompere la stampa per poi riprenderla.

Ma il firmware è ricco di tante finezze che semplificano la vita a tutti gli stampatori.

Dopo qualche anno di esperienza, test e prove  , prima con una Prusa e poi con una Delta Kossel e parecchie sbattimenti per riuscire a cavare i settaggi migliori per la mia macchina, l’unico punto su cui non riuscivo ad avere un risultato soddisfacente era il settaggio della sonda per il livellamento e calibrazione automatica di piatto e macchina.

Ho provato vari sensori, il classico endstop , i sensori pibot e ultimamente un sensore induttivo ma la precisione non era propriamente il massimo e mi ritrovavo col togliere tutto e calibrare manualmente il piatto di volta in volta con una perdita di tempo (e frustazione) notevole, purtroppo il piatto della mia Delta non è perfettamente in piano e anche se di poco su alcuni punti ho difficoltà di stampa.

Con la versione di Mkduo 4.3.18 dev è stata introdotta una funzione che ha risolto tutti i miei problemi, la sonda manuale..

Con questa funzione non è più la sonda che in automatico rileva i punti sul piatto e si sposta di volta in volta ma siamo noi a farlo (col classico foglio di carta sotto il nozzle)
La macchina si sposta sul punto da sondare e si abbassa, poi aspetta che noi troviamo l’altezza ideale , confermiamo e poi si sposta sul punto successivo. Il procedimento si ripete fino alla fine della calibrazione.

L’operazione può essere eseguita sia direttamente dal pannello LCD della stampante oppure tramite host (io ho eseguito tutto tramite PronterFace)

Per abilitare la funzione occorre andare nella schermata Meccaniche del configuratore online (dopo aver configurato correttamente la propria macchina o aver caricato una configurazione precedente)

E settare questo parametro :Schermata 2017-04-06 alle 15.50.52

 

Io ho inserito 4 nella griglia(delta autolevel grid) in modo da poter sondare meno punti rispetto al valore proposto di default.

Occorre abilitare la funzione “Enable LCD BED LEVEL (Requires PROBE MANUALLY and LCD)

se si vuole che questa funzione sia usufruibile anche da LCD altrimenti potrete farlo solo da host e gcode.

Fatto , scaricato e caricato sulla macchina siamo pronti.

La prima cosa che ho fatto è correggere l’altezza reale della mia macchina e corretto il valore con M666 H268

Poi ho avviato la calibrazione automatica per le geometrie con G30 A

Finito questo ho avviato la calibrazione manuale del piatto con G29 (va inviato di volta in volta G29 per proseguire punto per punto perchè la macchina si ferma prima di proseguire per permettere di alzare o abbassare il nozzle per trovare il punto corretto)

Alla fine di tutto il procedimento finalmente sono riuscito ad avere un piatto perfettamente livellato con una macchina calibrata finemente.

Per ora posso dire di aver risolto i problemi di precisione relativi alla sonda.

BUONE STAMPE A TUTTI

 

 

Condividilo se ti è piaciuto